Gloria Mina

“Amour folie aimable,
ambition sottise sérieuse”
Chamfort

Nata a Buenos Aires il 26 maggio 1958, cresciuta in Italia, fin da piccola due passioni: le lingue e la scrittura, ho seguito la prima per scegliere una professione, diventando interprete di conferenza, e la seconda per piacere personale.

Born in Buenos Aires on May 26th, 1958, of Italian parents, raised in Italy, two passions since my childhood: languages and writing. I followed the former to become a conference interpreter and the latter for personal pleasure.

Interpretazione

“Un professionista è una persona che può lavorare
al suo meglio anche quando non ne ha voglia”
Alistair Cooke

Interprete di conferenza professionista dal 1982 per le lingue francese-inglese-italiano in tutte le loro combinazioni, sono stata fra l’altro free-lance in cabina italiana presso la Commissione CEE, interprete personale dell’artista Jean-Michel Folon per la campagna SNAM, interprete fissa alle riunioni relative ai XX Giochi Olimpici Invernali Torino 2006 (dalla pre-candidatura alla conclusione), interprete in cabina francese a varie edizioni dei Meeting Ambrosetti... Per sette anni sono stata docente di interpretazione francese presso l’ILSIT di Varese. Dal 2000 sono socia di Assointerpreti.it, del cui Consiglio Direttivo Nazionale ho fatto parte per 2 anni.

Ad esclusione della medicina lavoro tuttora in qualunque settore, ma mi sono specializzata in materie umanistiche e letterarie, ambiente, e-commerce, economia. Con il crescere del mio interesse per doppiaggio e teatro, e grazie ai corsi seguiti e all’attività di attrice pubblicitaria, mi ritengo particolarmente adatta anche a speakeraggio e prestazioni legate al mondo dello spettacolo.

CV Italiano demo voce italiano
Eng Resume English voice-reel
test voix fr

“E lasciatemi divertire!”
A. Palazzeschi

Stacco... pubblicitario!!

“Perché non vieni dentro anche tu? Sono tutte tue coetanee...”. E fu così che, dopo anni di accompagnamento a casting altrui, a 40 anni suonati toccò a me (spacciata da chi mi imbucò per già “appartenente” ad una nota agenzia pubblicitaria milanese) sostenere il primo provino pubblicitario... Non mi presero, però qualche giorno dopo chiesero di me alla suddetta agenzia, che naturalmente cascò dalle nuvole ma riuscì a rintracciarmi. Con la tipica fortuna del principiante, poche settimane dopo calcavo il set per la prima volta!
Da allora questa esperienza - sempre gratificante, talvolta impegnativa - si è ripetuta diverse volte, tanto da regalarmi più di un momento di piccola notorietà. Tutto perché, quando i miei capelli hanno virato decisamente al sale-e-pepe, ho scelto di non tingerli: eccola qui la professionista affidabile/zia/nonna giovanile tanto rassicurante!!!

www.giancarlocaremoli.it


Multicentrum 2005 Mulino bianco "Nel mulino che vorrei" 2009


Video interno farmaco 2011 Grana Padano 2011

Telecom Futura Francesca 2012 Ikea "Basta poco!"2012
Corte Briantea Missaglia 2014 Se la ricerca qualitativa fosse una persona - official trailer 2014
La misurazione dell'engagement. Innovation in marketing research L'etnografia digitale. Innovation in marketing research
Il videoreport. Innovation in marketing research Il reperimento. Innovation in marketing research
Il manifesto di rifondazione. Innovation in marketing research I forum online. Innovation in marketing research
Mystery Ethnography. Innovation in marketing research Vodafone Fibra 2014
Il mio migliore amico - Pocket Coffee 2014 Spot Excellence Age Perfect L'Oréal, con Gloria Guida 2015
Spot Danacol 2016 La settimana enigmistica 2016
Spot Snello Gastronomia Samsung Je t'aime, 2018.
Develey - #TiSalsaLaVita "Per l'incontinenza, io conto su Serenity"
Serenity 2018 "Panettone Maina - Natale 2018"
Carpisa. Natale 2018

Scrittura

“Quando penso alla mia vocazione, non ho paura della vita”
A. Cechov, “Il gabbiano”

Attorno ai 40 anni, complici vicende personali profondissime, il mio interesse per il teatro - vivace fin dall’infanzia - si trasforma lentamente in vera passione. Non avendo velleità attoriali, ma non accontentandomi più di essere semplice spettatrice, mi oriento verso ciò che ho sempre saputo fare con grande naturalezza: scrivere. Seguo due brevi corsi e durante uno di questi ho la fortuna di essere letteralmente fulminata da un’ispirazione che si traduce sulla pagina nel giro di un mese - una parola dopo l’altra, direttamente dal mio cuore di madre. Nasce così “Tutto bene, mamma?”, scritto in treno, in spiaggia, ovunque mi sgorgasse dentro la frase che aspettavo. Segnalato al Premio Letterario Lago Gerundo, trasmesso su Radio3, occorreranno però molti anni perché un altro fulmine, al capo opposto del mondo, mi colpisca con l’idea di una messa in scena adeguata al contenuto.
Ma questa è un’altra storia... potete leggerla su tuttobenemamma.com.

Negli anni successivi scrivo altri brevi testi teatrali, alcuni dei quali presentati in tre Festival “Monologhiamo”, e faccio un’ incursione nella narrativa - ancora una volta a seguito di un corso. Con il racconto “Il posto dell’anima” vinco il secondo premio al PremioLetterarioCinqueTerre “ScriviVernazza 2004”. Anche in questo caso, l’ispirazione mi aveva colpita come un fulmine, facendomi sedere nel primo bar incontrato e buttar giù di getto la storia. Gli ultimi anni sono dedicati piuttosto a far crescere le mie “creature” che a produrne altre - finché non mi colpirà un altro fulmine? Il seguito alla prossima puntata...

“So I wish you first a sense of theatre; only those who love illusion
And know it will go far ... ” W. H. Auden

I like to say that writing for the theatre has prevailed over other forms for two reasons: my uncle's - playwright  Uberto P. Quintavalle – spiritual heritage, and my brother , sister and cousin (a novelist, a journalist and a poet, respectively) who did not leave me any other choice!